I CLIENTI SONO DEL BRAND E L’INTERA FILIERA, PER AVERE SUCCESSO, DEVE AIUTARLO A MANTENERE LE SUE PROMESSE.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

La Germania sta “proteggendo” i consumatori dalle loro lacune in ortografia.

Un tribunale tedesco ha decretato e, di fatto, impedito ad Amazon di attrarre i potenziali acquirenti che sbagliassero la digitazione su Google del nome di un iconico produttore di sandali tedesco: Birkenstock. Sembra infatti che, cercando di digitare il nome del brand, fossero moltissime le persone a sbagliare la digitazione: “Brikenstock”, “Birkenstok”, “Bierkenstock” sono solo alcuni degli errori di ortografia più comuni e prontamente “sfruttati” da Amazon che prontamente appariva come risultato nei primi risultati del motore di ricerca.

Secondo la Reuters, Birkenstock si è rivolto al tribunale perché temeva che gli acquirenti potessero acquistare involontariamente contraffazioni scadenti, che avrebbero potuto danneggiare la reputazione del marchio. “Per noi, Amazon è complice”, ha dichiarato il capo di Birkenstock, Oliver Reichert, alla rivista tedesca Der Spiegel.

Birkenstock ha abbandonato per la prima volta il marketplace di Amazon a luglio 2016, per poi farvi ritorno: ha recentemente però dichiarato che non avrebbe più fornito prodotti ad Amazon per i clienti statunitensi a partire dal 1 gennaio 2017. “Il mercato Amazon, che opera come un mercato aperto, propone un ambiente in cui siamo sottoposti a pratiche commerciali inaccettabili che riteniamo possano compromettere il nostro marchio“, ha scritto David Kahan, CEO per le Americhe di Birkenstock.

Questa notizia, dai toni che paiono di primo acchito divertenti, nasconde però un piccolo/grande “memo” che ogni distributore, fosse anche il più mastodontico dei multimarca online, deve ricordare: i clienti sono del brand e, per avere successo, occorre aiutarlo a mantenere le promesse fatte ai clienti.

In questo Birkenstock è molto molto scrupolosa. Una pagina del proprio sito internet (leggi qui) indica come riconoscere un proprio prodotto e distinguerlo da quello di concorrenti a più buon mercato che, sicuramente, non rispetterebbero la promessa che Birkenstock si impegna a mantenere da due secoli e mezzo: CREIAMO PRODOTTI CHE MIGLIORANO E SEMPLIFICANO LA VITA DEI NOSTRI CLIENTI.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Previous post

34 MILIONI DI BUONE NOTIZIE PER I BRAND FAST CASUAL

Next post

AD OGNI POLSO IL SUO SWATCH