Il brand nato a Verona sorprende e innova per i suoi clienti dal primo giorno: una recente innovazione “interna” conferma questa attitudine.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

2006, un “ufo” atterra su Verona. Il 29 settembre apre Zushi, un nuovo ristorante nella città scaligera, uno dei primissimi a proporre ai concittadini di Romeo e Giulietta un menu sushi fusion. Un ufo, appunto. Ma non solo per l’offerta gastronomica: la location è scintillante, moderna, inusuale. “Sembra di essere a Tokyo… No, a Londra… A New York!”. Si respira un’aria metropolitana, si ha la sensazione di essere nel centro del mondo, dove ogni novità arriva, dove nascono i trend che condizioneranno le mode nei mesi a venire.

Il fondatore di Zushi è Cristiano Gaifa, un perfetto esempio di imprenditore cliente! Sì, perché Gaifa, professionista della ristorazione dai tempi del diploma, è innanzitutto un cliente esigente e curioso che tutt’ora gira il mondo per provare i ristoranti più innovativi; è un fino conoscitore delle novità “fusion” che uniscono oriente e Sudamerica, tradizione e innovazione. La sua passione si traduce in una dedizione instancabile per la ricerca. Se uniamo questi ingredienti all’innata propensione imprenditoriale, ecco servita un’idea promettente da mettere in pratica con il duro lavoro (altro tratto caratteriale tipico da quelle parti).

Il suo obiettivo era ed è molto chiaro: “Sviluppare un format di sushi fusion internazionale che offrisse a tutti un’esperienza di qualità e memorabile!”.

Zushi, da quel primo ristorante veronese, ne ha fatta di strada: conta oggi 25 punti vendita. Migliaia sono i clienti che ogni giorno vi si recano per vivere la Zushi Experience. Di cosa si tratta? Nulla di segreto (a differenza della ricetta per la cottura del riso): la Zushi Experience (stando proprio alle parole dei clienti), è data dalla sapiente gestione di alcuni importanti touchpoint strategici del brand – dentro e fuori dallo store – che infonde al cliente un prevalente senso di relax, serenità, armonia… Le recenti indagini sui Promoter di Zushi hanno evidenziato che desiderano vivere un’esperienza memorabile, ma anche dinamica e veloce. I manager, i ragazzi degli staff e Cristiano stesso sono così abili nel rispettare queste promesse fatte ai clienti che il Net Promoter Score del brand è ben sopra alla media del settore Fast Casual.

Ecco come Gaifa descrive la Zushi Experience: “La nostra è una storia di amore e passione per questo lavoro. Amore e rispetto per i clienti, amore e rispetto che si traducono nell’ascolto, nella comprensione e nella ricerca continua della perfezione per noi e per i clienti stessi. Qualità, freschezza e dedizione sono il mantra che ogni giorno ci ripetiamo, proprio per far sentire amati, rispettati i nostri clienti, affinchè vivano con noi un’esperienza unica ogni volta che ci scoprono o che tornano. Questa esperienza si chiama Zushi Experience”.

Nei primi mesi del 2017 è stata segnata una nuova tappa fondamentale per la storia di Zushi, che attesta anche il riconoscimento alla qualità e alla passione per il lavoro che tutto il team ha svolto nei primi dieci anni di vita del brand. È infatti entrato in Zushi un investitore importante, il fondo “Creazione di Valore”.

Per Zushi è davvero importante rendere ogni singolo collaboratore partecipe di questo amore e di questa passione per il cliente, anche adesso che l’headquarter, per diversi punti vendita, è distante centinaia e centinaia di chilometri. Per “accorciare” questa distanza il brand ha recentemente avviato un programma di video-formazione per tutti i collaboratori, veicolato grazie ad una moderna piattaforma online per l’e-learning.

Stiamo riuscendo a formalizzare e a comunicare capillarmente interi mansionari, procedure e operations sia in-store che out-store, fornendo le competenze richieste per ciascun percorso di carriera e assicurandone il raggiungimento attraverso test di apprendimento”, dice Gaifa.

Grazie a questo programma e allo strumento davvero accessibile a tutti (soprattutto ai ragazzi e alle ragazze “nati” con lo smartphone in mano), la Zushi Experience e le indicazioni per far sempre vivere al cliente un’esperienza memorabile arrivano “con un click” dalla sede a tutti i punti vendita.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Previous post

NON È DAVVERO NATALE SENZA LA TAZZA DI STARBUCKS

Next post

TARGET: UN NUOVO PACKAGING PER MIGLIORARE LA VITA DI TUTTI I GIORNI